• +39335292521
  • This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Speleologia

  • Sabato 3 novembre ore 9:00 presso il centro "le medie" in via di Roma 10 è convocata la riunione dei Gruppi Grotte CAI.

    La riunione dei GG è un momento di incontro e confronto tra la Commissione Centrale e i vari Gruppi Grotte sulle varie problematiche e i possibili suggerimenti per le attività di speleologia e torrentismo.

  • Cos'è Casa CAI?

    Casa CAI è il luogo dove sono raggruppate la maggior parte delle iniziative del Club Alpino Italiano presenti a Casola. In particolare sono presenti le attività della Commissione Centrale per la Speleologia e Torrentismo (CCST CAI) e della Scuola Nazionale di Speleologia (SNSCAI) .

    Durante il raduno potrete trovare presso Casa CAI le strumentazioni del laboratorio “SpeleoCrasc/CENS” utilizzato dal Gruppo di studio sui materiali e tecniche della SNS CAI .

    Sempre presso Casa CAI verranno fatti dei workshop, della durata di circa 2 ore, con test sperimentali su argomenti inerenti le caratteristiche fisiche e meccaniche dei materiali per la speleologia e torrentismo.

    All’interno è presente anche lo spazio espositivo libri e pubblicazioni del CAI.

  • ESPLORAZIONE, VALORIZZAZIONE E TUTELA DEGLI AMBIENTI IPOGEI

    La ricchezza e la diversità di un parco carsico (di una riserva, di un'area protetta con presenza di grotte), sono date, anche, dalla presenza di cavità naturali nel territorio di pertinenza. La conoscenza degli ambienti ipogei è resa possibile dagli speleologi che ricercano, esplorano, riportano dati e informazioni. Il vuoto conosciuto serve a ricostruire percorsi di acque, a monitorare variazioni climatiche, studiare reperti e speleotemi, a segnalare inquinamenti antropici, a suggerire soluzioni di tutela. Ma la frequentazione delle cavità può infrangere ecosistemi particolarmente fragili, all'interno o in aree limitrofe. Esiste un equilibrio possibile tra esplorazione e salvaguardia del carsismo? L'obbiettivo è focalizzare, per dirimerli, i possibili nodi di conflitto tra la frequentazione necessaria e il rigore della tutela.

  • Dal 1° al 4 novembre 2018 ci ritroviamo a Casola Valsenio, a Speleopolis! L’incontro è stato chiamato Nuvole, a ricordare il ciclo dell’acqua e anche il continuo divenire della speleologia.  

    Gli incontri di Casola hanno spesso fatto il punto sullo stato dell’arte, hanno anticipato tendenze.   Nuvole-Casola 2018 sarà l’occasione per confrontarsi, fare il punto e anche rivedersi allo Speleobar. Per molti speleo è come “tornare a casa” anche perché dal 2010 Casola Valsenio è stata  ufficialmente nominata “Città amica degli speleologi” dalla Società Speleologica Italiana. Il progetto dell’incontro internazionale nel 2018 ha riscosso un notevole interesse anche dal punto di vista della promozione dell’area geografica in cui si tiene il raduno.  Da sottolineare, la presentazione della proposta promossa dalla Regione Emilia-Romagna (su richiesta della FSRER) di inserimento nella World Heritage List dell’UNESCO di  fenomeni carsici gessosi presenti sul territorio regionale.Si tratterà il rapporto tra carsismo, speleologi e territorio anche affrontando la tematica delle grotte come risorsa turistica, possibilità di studi, laboratori e  divulgazione. Si affronterà la stretta ma complessa relazione tra i Parchi carsici e il mondo della speleologia. Daremo risalto ai  temi  legati all’etica nella pratica della speleologia, all’attenzione per l’ambiente, al cambiamento climatico in atto. Con le Scuole di speleologia, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e l’ECRA ( European Cave Rescue Association) saranno sviluppate le tematiche inerenti la sicurezza e anche la responsabilità.

    Nel programma del raduno sono previste  “lezioni in pillole”, a sottolineare il valore di una formazione continua per noi speleologi. Avremo l’importante  partecipazione di speleologi da diversi Paesi europei ed ospiti anche dall’America Centrale. Il gruppo di lavoro sulle tecniche e i materiali della SNS-Cai proporrà test sulle attrezzature speleologiche utilizzando uno speciale dinamometro da banco e una torre di caduta. Non è che un primo quadro d’insieme, non mancheranno importanti sorprese e ospiti speciali. Vi terremo informati in corso d’opera.

    Sarà una bella occasione per presentare esplorazioni e ricerche, far conoscere attività e progetti, proporre pubblicazioni, materiali tecnici e di progressione, far conoscere la cultura enogastronomica della propria regione. ma...affrettatevi. Noi mettiamo la massima disponibilità, ma spazi e tempi non sono infiniti! Informazioni e richieste sul sito www.speleopolis.org

© 2022 SPELEOPOLIS. Tutti i diritti riservati.