• +39335292521
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Manuale di volo nel Programma Generale

Il programma degli incontri di Casola è sempre stato condiviso con autori, espositori, artisti e compagni di viaggio. Cercando di accogliere, sistemare, non sovrapporre, aggiungere… sino al momento del “si stampa”. On line le modifiche sono semplici, sulla carta no. Il Tascabile si stampa perché è strumento di navigazione, perché non tutti hanno uno smartphone e perché si garantisce memoria racchiusa in uno spazio materiale. Casola 2013 si presenta come un caleidoscopio che ognuno può trasformare. Scegliete il vostro palinsesto. Individuate l’essenziale e il possibile. Ci sono i convegni per chi vuole approfondire, i resoconti esplorativi per chi cerca nuovi stimoli o nuova conoscenza, ci sono approfondimenti sulla topografia e riflessioni filmografiche. C’è la speleologia che è relazione sociale, ci sono i concorsi e i libri presentati, ci sono alpinisti e altri esploratori. C’è tanto, nel tempo delle sale e nello spazio delle mostre, durante il giorno e nella notte, tra i palchi e gli speleobar. Scegliete le cose e scegliete le pause tra le cose. Casola Underground sarà diversa da ogni immaginabile pensiero. Perché tutto ciò che se ne stava nascostosi manifesterà. La speleologiua apparirà come una galassia vorticosa ed effimera. Prendete il meglio, per voi, e portatelo nei vostri paesaggi sotterranei, decantatatelo nei racconti con gli amici, sospendete giudizi e continuate ad alimentare la curiosità. A molto breve, tutto il territorio di Casola 2013 Underground si aprirà alla vista. Preparatevi, Speleopolis emerge!


Spelunder, letteratura per ragazzi “non alla luce del sole”

Quasi trenta autori con trentasei lavori sono il risultato del concorso indetto dalla Società Speleologica Italiana in occasione di Underground, Casola 2013. Scrivere è tecnicamente semplice. Basta impugnare una penna o digitare e le parole escono. Ma tra le intenzioni e il risultato può esserci un considerevole scarto. Controllare la narrazione e renderla efficace è molto difficile. Spelunder era aperto a tutti. Soci o non soci, speleo e non. Ma il tema era vincolante. Raccontare del mondo sotterraneo a giovani e giovanissimi per incuriosire e appassionare. In molti si sono messi alla prova e questo è segno di una volontà importante. Ora è il momento della valutazione e i vincitori saranno scelti tra quanti hanno presentato opere pertinenti con il tema e le finalità, hanno dimostrato sensibile originalità, e hanno sviluppato il tutto con coerenza e correttezza formale. In giuria vi sono esperti di comunicazione, giornalisti e scrittori. La composizione della stessa sarà comunicata al momento della premiazione del concorso (Venerdì 1 novembre, ore 10,15 Teatro Senio di Casola Valsenio). Al momento, grazie a quanti si sono messi in gioco, offrendo il loro contributo di idee e creatività.


Underground, lo stato delle belle cose
A questo punto si aspetta il Programma, l'indicazione ultima per orientarsi nell'universo Underground. Tra pochi giorni, il programma si dipanerà in tutta la sua sfolgorante complessità. Esploratori ed esplorazioni sono il naturale filo conduttore di tutto, perché segnano l'evolversi della conoscenza sotterranea. E vi saranno anche esploratori non ipogei, che attraversano ghiacci o sfidavano il verticale...
Poi ci sono i convegni che vertono sulle regole, sulla grotta come risorsa del territorio e, ancora, sulla geografia del vuoto. Avremo un Focus sull'acquisizione e la restituzione dei dati e un incontro ravvicinato con l'Agenzia Spaziale Europea.
Ci lasceremo affascinare dalle mirabilia del 3D e guarderemo il cinema che guarda le grotte, premieremo Speleospot e Spelunder. I due concorsi hanno raccolto oltre sessanta opere in settori non semplici quali la narrativa per ragazzi e l'advertising (!) speleologico.
Un ruolo importante l'avranno i laboratori, come quello strategico del Catasto o gli scambi scintilenici e anche la speleologia per chi non può da solo.
I protagonisti saranno i più piccoli che impareranno nuove impreviste possibilità di giocare e interagire con la materia e i materiali.
Naturalmente, la speleologia organizzata si riunisce e propone temi, la Federazione Speleologica Europea tiene in Casola l'Assemblea generale.
Lo Speleobar si triplica, arriva la Speleonotte (originale!), la neviera si apre al pubblico per fare mostra.
Solo un attimo di pazienza... Siccome ogni evento vede la presenza di chi racconta, mostra, propone editoria, fa riflettere... serve evitare sovrapposizioni, si deve risolvere una complessa equazione fatta di luoghi, tempi e disponibilità.
Ci stiamo preparando, preparatevi!


Pagina 1 di 4

© 2017 SPELEOPOLIS. Tutti i diritti riservati.